IL 25 APRILE DELLE VERGOGNE

di Angelo Ruggeri

Tra sovversione della Costituzione e la incultura di “società civile”, sindacati, gruppi e movimenti vari che fingono che i “beni comuni” siano senza “proprietà”, mentre sono proprietà mobiliare anziché proprietà immobiliare del capitale e dei servizi gestiti dal potere d’impresa: IN CUI QUELLA CHE ENTRA IN CAMPO è LA CULTURA DEL DIRITTO COMMERCIALE E NON DEL DIRITTO CIVILE .

L’ANPI ha escluso Alemanno e la Polverini, e va bene; ma coerentemente, dovrebbe escludere anche il PD e tutti gli “antiberlusconiani” e l’ANPI stessa che sostengono l’antipolitica del non-partito PD che con antipolitico attacco al più importante fatto politico quale è la Costituzione nata dalla Resistenza, la sovverte nei sui principi fondativi della democrazia.

L’atto di puro “sovversivismo dall’alto”, dell’anticostituzionale modifica dell’articolo 81 C. (che riguarda tutto il sociale e quindi anche il lavoro), approvata proprio in vista del 25 aprile, è un “lutto” tra i più gravi di quelli che hanno colpito la democrazia e la Costituzione nata dalla Resistenza, che rende “greve” il 25 aprile confermando la “grave” veritiera denuncia (anche lo scorso denunciammo, vedi “Il 25 aprile degli ipocriti difensori della Costituzione che l’affossano) del fatto che da anni il 25 aprile è una data ormai usata “come unica occasione annuale delle forze politiche e culturali del ‘centrosinistra’ e della ‘sinistracentro’ per lanciare gli ipocriti slogan “giù le mani dalla Costituzione” e “difendiamo la Costituzione” che da pure nome al Comitato dei “sinistri” politici e giuristi “democratici” ( che hanno belato e nulla hanno detto sull’81),

VERGOGNA per ANPI ed “ex esistenzialisti antifascisti” che sembrano PARTIGIANI BADOGLIANI, come dei rinascimentali garibaldini romantici di un 25 aprile da Risorgimento liberale: tanto che dopo anni di mistificatori embrasson nous nell’enfatico segno “antiberlusconiano” ma non “anticapitalistico”, partecipano e sostengono il PD che dimostra che il capovolgimento in corso da anni della Costituzione nata dalla Resistenza, ben più che l’avvento al governo di stati e istituzioni sovranazionali delle forze di destra, riguarda il riaffermarsi di valori contrastanti con quelli della Resistenza antifascista che sono la base della fondazione della democrazia, PROPRIO a causa del capovolgimento teorico, storico, politico dei Pds-DS-PD sostenuti degli “ANPI” camuffati da “badogliani” per nascondere che sono stati comunisti per la Rivoluzione (e magari credono di esserlo ancora).

VERGOGNA per una antipolitica dall’alto e dal basso che contro il fatto politico più importante della democrazia quale è la Carta del 48, credono che ci possa essere o si possa fare un nuovo soggetto politico senza partito: molto peggio dell’epoca del “qualunquismo” di Giannini che almeno aveva una cultura e sapeva scrivere, aveva idee e le scriveva, al contrario di un Grillo che non lo sa fare e sostituisce cultura, idee e la politica con le battute del comico, un “vuoto” sul “vuoto”: un vuoto che parla e per cui si parla del “vuoto”, da parte della stampa e dei non-partiti dell’antipolitica dall’alto, dai vertice del governo “tecnico” di Ms. Bilderberg Monti e del Quirinale che con “presidenzialismo” anticostituzionale lo ha insediato ai vertici delle lobby che si arrogano di essere “politici” e di dire di essere “partiti” così screditando la politica, in quanto dall’abolizione del proporzionale sono solo kombinat di gruppi di potere economco-politico e corporazioni di interessi privati, a favore del privato d’impresa. Favoriti dalla scelta di una politica “americana” del PCI che dopo la morte di Berlinguer DECISE CHE NON SI DOVEVANO PIU FARE I COMIZI E di ABBANDONARE LA FORMA PARTITO DI IDENTITA E INSEDIAMENTO TERRIOTRIALE-SOCIALE, REGALANDO COSI IL SOCIALE-TERRITORIALE ALLA LEGA ASSIEME AI COMIZI CHE ORA FANNO ANCHE I GRILLINI.

VERGOGNA per la torinese FIOM di destra di Giorgio Airaudo (forse in cerca di qualche sgabello “politico”) tanto istupidita quanto stupido si è rivelato l’invito fatto alla ricca “parlatrice” borghese del capitalismo burocratico, di “spiegare agli operai dell’Alenia”, le modifiche padronali e autoritarie dei rapporti di lavoro, fatte nel nome del “Patto per l’Euro”, vera e propria scure sui salari, sul sociale e sulla democrazia costituzionalizzato assieme al Fiscal compact e al MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) con la modifica dell’art. 81 della Costituzione nata dalla Resistenza. Dalle sole sue dichiarazioni sul 18, non abbiamo allora sbagliato nel valutare il tale Airaudo (mail “Imbroglio e cedimento”) appaiandolo alla Camusso e prendendolo ad esempio dell’inintelligenza e dell’incapacità di certi sindacalisti di “capire” l’uso politico del diritto e gli abili aggiramenti giuridici della borghesia e dei suoi azzeccagarbugli.

VERGOGNA, tripilice vergogna, per i pseudo democratici cattolici e “sinistri” antiberlusconiani del PD, sostenuto anche da ANPI e sindacati, che dopo anni di 25 aprile segnati dall’ ipocrita scaricabarile delle antidemocratiche “revisioni costituzionali” su Berlusconi e di mistificatori slogan “giù le mani dalla Costituzione”, con l’anticostituzionale modifica dell’articolo 81 hanno inserito “il mercato” come base fondativa della Costituzione nata dalla Resistenza fondata “sul lavoro” e sul “sociale”, vincolando la politica di bilancio della Repubblica democratica e antifascista ai mercati finanziari del capitalismo industriale e bancario, per di più nel momento in cui il dispositivo della istituzionalizzazione accorda a tali mercati un potere illimitato

VERGOGNA per aver attuato tale sovvertimento con trasversalismo bipartisan di PD e “antiberlusconiani”, alleati con i “berlusconiani” PDL (e i suoi neo-fascisti), e Casini (ex CAF ed apostata forlaniano-cattolico sostenuto, con Monti, dai vertici tradizionalisti ed anticonciliari della CEI: contraria ai cattolici sociali co-fondatori della Carte del 48), che a sua volta si allea con i neo fascisti (finiani) nel “centro” del grande capitale, per raggiungere una maggioranza di 2/3 in parlamento ed evitare così il “referendum istituzionale” ed evitare così la verifica della volontà del popolo che già nel 2006 disse NO alle smanie neoautoritarie, di “modificazioni della costituzione” del centrodestra e del centro sinistra.

IL TUTTO non senza l’aiuto gruppi, movimenti e della c.d. “società civile”: che in antitesi anche linguistica e concettuale alla “democrazia sociale” della Costituzione e del tutto silenti sulla sovversione antidemocratica dell’art.81 C., per rifuggire dalla questione del potere chiamano “beni comuni” quelli che fingono che siano “beni” senza “proprietà”: mentre è proprietà mobiliare anziché immobiliare di servizi gestiti dal potere d’impresa IN CUI QUELLA CHE ENTRA IN CAMPO è LA CULTURA DEL DIRITTO COMMERCIALE E NON DEL DIRITTO CIVILE .

In tale subalternità culturale alle deviazioni concettuali della anticostituzionale antipolitica dall’alto e dal basso, tali gruppi e movimenti non si battono nemmeno per il ripristino di proporzionale senza correttivi;

ovvero, non si battono contro le leggi elettorali manipolatorie a favore dei gruppi di potere delle imprese e dei “partiti” dell’antipolitica dall’alto messa in opera dalla abolizione del proporzionale puro su cui si è fondata e si è sorretta la “Repubblica democratica” fondata “sul lavoro” e “sul sociale” nata dalla RESISTENZA.

Il 25 aprile degli ipocriti difensori della Costituzione che affossano

MA DI CHE “DIFESA DELLA COSTITUZIONE” PARLIAMO?

L’IPOCRITA “DIFESA DELLA COSTITUZIONE” DELLA BOGHESIA DI SINISTRA, CORPORATIVA E DI SISTEMA CHE IN NOME DELLA MODIFICA DELLA SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE HA SEMPRE SOSTENUTO ED E’ INTERESSATA ALLE FORME DI GOVERNO DI TIPO AUTORITARIO – premierato, presidenzialismo policentralista delle regioni federaliste, senato federale, bipolarismo, separazione tra giudici e PM da controllare con l’esecutivo, ecc – ELABORATE DALLE C.D. “SINISTRE” E CHE SONO LA CONDIZIONE OPERATIVA DELLA STRATEGIA DI CONSOLIDAMENTO DELLA CAPITALISMO E DELLA CLASSE DOMINANTE

Da anni si fanno ipocrite manifestazioni “Per difendere la Costituzione” ad opera di “forze di sistema” della pseudo-sinistra e della corporazioni della c.d. società civile sempre piu irretita nella irresponsabilità della logica bipolare, sospinta dal PD e dall’assenso convinto o supino dei suoi passati e futuri alleati elettorali della “sinistra di sistema”, sull’onda della c.d. modernizzazione istituzionale e costituzionale. a cui ognuna di tali forze politiche e della sempre più corporativa società civile “di sistema” ha portato mattoni, mattoncini o anche pilastri e intere pareti per edificare un edificio del tutto nuovo e diverso di quello edificato dalla Costituente del 1948, finalizzato ad una forma di governo di tipo autoritario che è la condizione operativa di una strategia di consolidamento del capitalismo e della classe dominante a cui è interessata anche e tutta la borghesia di sinistra e corporativa della c.d. “società civile” e dell’estabilschment non solo televisivo. Una strategia idonea a portare alle estreme conseguenze antidemocratiche quella concezione di “modernizzazione” che a suo tempo ha concorso all’instaurazione dello stesso regime fascista come regime del “capo del governo” e del carattere nazionale dell’iniziativa economica privata.

Insomma tutta una borghesia di “sinistra di sistema”, corporativa e dell’estabilschment non solo televisivo, tra cui e con che faccia: il Giulietti che ha sostenuto tutti i progetti PD di modifica della C., l’attrice e moglie attrice dell’ex presidente e privatizzatore della Rai-TV Zaccaria, o l’attrice socialcraxiana che cita i “padri costituenti” dimenticandosi Togliatti principale padre assieme a Dossetti o il solito attore che recita il solito elogio della Costituzione di Calamandrei, DI CUI SI DIMENTICA CHE E’ STATO IL GRANDE SCONFITTO DELLA COSTITUENTE la quale ha respinto la proposta di Calamandrei di inserire il Presidenzialismo e il federalismo bollandoli come “fratelli gemelli dell’autoritarismo”, sostenuti allora, oltre che dal Partito d’Azione borghese-liberale di Calamandrei, soltanto dal MSI erede del fascismo mussoliniano, poi dal Piano P2 ed oggi da Berlusconi e Bossi e dalla pseudo “sinistra” federalista favorevole al premierato-presidenzialismo (respinto dal no del popolo nel 2006), e ha intaccato – Lei “sinistra” non la destra – per la prima volta la Carta del 48 modificando il Titolo V della C. in senso opposto alla “Repubblica delle autonomie”, inserendo la privatizzazione delle funzioni pubbliche sia economiche (cosa che neanche il fascismo aveva osato fare) sia sociali, con la sussidiarietà federalista del privato rispetto allo stato repubblicano delle autonomie locali: dove per COSTITUZIONE l’Italia non è uno “stato” inteso come “governo centrale” e centralista e verticista, perché le autonomie locali sono Stato esse stesse.

Tutti i giornali della “sinistra”, che per “prima” ed ora ancora in “ultimo” manomessso la Costituzione (sul titolo V e sull’articolo 81) che ha affermato l’inutilità di cambiare l’art.41 “perchè tanto non lo si applica e nessuno vuole applicarlo”(sic) e che il ben piu consapevole Monti lo ha annullato con l’articolo 1 del decreto sulle liberalizzazioni, per il 25 aprile del 2011, hanno titolato

“Difendiamo la Costituzione”

ovvero

L’IPOCRITA SCARICABARILE DELLA BORGHESIA DI SINISTRA E DELLE CORPORAZIONI DELLA “SOCIETA’ CIVILE” e dell’ ETABLISSEMENT DEL SISTEMA DI POTERE MASSMEDIATICO, ECONOMICO-FINANZIARIO E POLITICO DEL PD E DEI SUI ALLEATI (passati e futuri) DI PSEUDO SINISTRA “FEDERATA” (Pdci, RC, ecc.) E VENDOLIANA PAROLAIA

Per opporci – tra i pochi – al “referendum per la responsabilità civile dei giudici” promosso dai radicali, avevamo costituito un apposito “Comitato” ed in particolare la Bonfanti, L’Espresso e la Repubblica mi telefonavano in CGIL regionale lombardia e riportavano su di noi articoli (che ancora abbiamo) positivamente sorpresi della nostra iniziativa. Circa 10 anni dopo, Marco Boato ( di Lotta continua antiparlamentare ed anticomunista) per conto della Bicamerale D’Alema (“la madre di tutte le revisioni cosoituzionali autoritarie” del centro destra e del centrosinistra) elaborava un progetto sovversivo dell’ordinamente costituzionale in materia di giustizia che in modo persino peggiorativo comprendeva praticamente quanto oggi Berlusconi e Alfano presentano come la “Grande riforma” della giustizia della Costituzione. Tale “Grande riforma” viene presentata avvalendosi dei progetti del centrosinistra di cui Berlusconi si avvalse anche per presentare la Revisione costituzionale che sottoposta a referendum permise al popolo con un gigantesco No di respingere in blocco tutte le smanie neo-autoritarie del centrodestra e del centrosinistra a favore del premierato già istituito nel 1925 dall’arrembante fascismo mussoliniano.

Orbene, nei giorni si presenta una c.d. grande riformai della giustizia forse e pezzi corporativi della società civile di tutta la “sinistra” che non puo dire “LA COSTITUZIONE NON SI TOCCA” – essendo stata per prima sia a teorizzare che a realizzare il revisionismo costituzionale leghista/federalista del Titolo V – si presenta con lo slogan “TUTTI IN PIAZZA A DIFENDERE LA COSTITUZIONE”. Ciò perchè nel momento stesso in cui si denuncia il revisionismo costituzionale del centro destra, si mira artatamente a nascondere (ad un elettorato sempre più irretito nell’irresponsabilità della logica “bipolare”, sospinta dal PD e da una pseudo sinistra sull’onda della c.d. modernizzazione), quanto aberrante sia stato e continui ad essere l’impulso verso la deriva costituzionale imputabile in modo irrefutabile proprio a quel centrosinistra e pseudo-sinistra che da ben più di un decennio ha puntato e punta a SPEZZARE QUELLA ORGANICA CONTINUITA’/INTERDIPENDENZA tra la PRIMA PARTE e la SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE.

Con essa i partiti democratici e antifascisti (Dc, Pci, Psi, Psdi, Pri) sancirono la strategia sociale e politica dell’antifascismo vittorioso con la Resistenza e la Liberazione, rompendo con l’autoritarismo liberale pre-fascista e con il modello monarchico/liberale dello Statuto Albertino su cui aveva potuto innestarsi il regime fascista, per aprire una nuova fase storica, politica, sociale e istituzionale, mediante un inedito modello di “democrazia politica, economica e sociale” repubblicana e autonomista, contro cui hanno complottato e complottano le forze conservatrici della borghesia di destra e di sinistra, che hanno delegittimato e mirano ad affossare definitivamente – nonostante il NO popolare che ha superato il quorum per altro non richiesto nel referendum dl 2006 – un modello che si è posto all’avanguardia delle costituzioni post-fasciste, in quanto legittimante quel processo di trasformazione della società e dello stato capitalistico perseguibile con il concorso pluralistico di forze di sinistra, sociali e politiche, di ascendenza non solo marxista, ma anche cattolico-sociale.

“I FATTI I FATTI, NON PAROLE”, grida il protagonista de Il Tallone di ferro (che anticipò l’avvento del capitalismo nazi-fascista) Quel che, infatti, (dimostrano i fatti) che quel che è stato alla base della convergenza – alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90 – tra le forze del defunto “pentapartito” (Dc, Psi, Psdi, Pri, Pli) e le formazioni politiche sopravissute a quella che si è convenuto di definire come “crisi tangentopoli” per la revisione della Seconda Parte della Costituzione, ha avuto come motivazione (risultata ambiguamente pericolosa) l’esigenza del c.d. “adeguamento” dell’ordinamento della Repubblica ai c.d. “mutamenti” della realtà sociale – o della c.d. globalizzazione finanziaria fallita e scoppiata nella crisi economica mondiale – fingendosi di non vedere che tale convergenza concretava l’adesione di forze eredi del costituzionalismo democratico-sociale e antifascista alla strategia perseguita, esplicitamente e insistentemente, almeno a partire dal 1964, da gruppi di potere occulti e/o collegati con correnti di alcuni partiti dell’arco costituzionale (Pri, Psdi, Psi, Pli): nella consapevolezza che le forze anticomuniste avevano in ordine allo stretto nesso che i partiti di massa (Dc, Pci, Psiup) avevano saputo istituire tra la Prima Parte sui “rapporti” civili, etico/sociali, economici e politici, e la Seconda Parte sull’”ordinamento della Repubblica”, per garantire una convergenza coerente tra forma di stato e forma di governo nella strategia di trasformazione della società e dello stato che ha segnato di sé specialmente gli anni ’60 e ’70, ad onta della “conventio ad excludendum” dei comunisti dalla maggioranza governativa e quindi dal potere esecutivo.

Se si vuol dare un senso obiettivo, allora, all’affermazione mistificante di “cambiare” (sic) “ma non stravolgere la Costituzione”, lanciata dal comitato di pseuod-difesa della Costituzione e da Napolitano ancora una volta in linea con l’ipocrita scaricabarile di tutti coloro che usano fingere di voler “difendere la costituzione” da altri ma non anche da sé medesimi, occorre che tali cosidetti fautori della difesa della Costituzione e specialmente i Ds-Ppi-PD, pervengano a quella maturazione autocritica che sono emersi in alcuni componenti dei “comitati per la difesa della Costituzione” nel corso della campagna per il “no” al referendum del 2006, solo per respingere il progetto di revisione che il centrodestra aveva innervato sulle posizioni già affiorate in seno ai partiti del centrosinistra, prima ancora dell’avvento del berlusconismo: quando cioè si è aperto un vulnus nei rapporti tra la Prima e la Seconda parte della Costituzione del 1948, tramite non già – come ci si è adagiati a dire – il c.d. “superamento” dei partiti, bensì per effetto del loro snaturamento “ideologico”. Uno snaturamento intrinseco all’abbandono dell’anticapitalismo in funzione della visione dell’impresa privata come “istituzione” nella quale le forze “produttive” collaborano, sì che il primato del lucro sul salario è venuto a sancire la delegittimazione del ruolo del lavoro, quale ambito di autonomia sociale e politica che peculiarmente i Principi Fondamentali della Costituzione hanno assunto a criterio di qualificazione del nesso tra Prima e Seconda Parte della Carta del 1948.

Orbene, per ottenere che il popolo ritorni sovrano dopo aver respinto nel segno della “Repubblica fondata sul lavoro” un progetto di revisione della Seconda Parte che era inaccettabile (non tanto perché, come dicono con un neologismo mistificatorio i “giuristi democratici” corrivi alla strategia dell’”Ulivo”, contrastante con la c.d. “democrazia costituzionale”, ma ben più provocatoriamente perché in antitesi con l’ideologia stessa della Costituzione e quindi anzitutto con i suoi Principi Fondamentali), è indispensabile che si avvii un tipo di discussione che è stato rimosso sin da quando una parte – la destra napolitaniana – dello stesso Pci negli anni ’80 (soprattutto dopo la morte di Enrico Berlinguer) ha convenuto sulla necessità – in cui le stesse forze della destra sociale e politica (“golpiste”, e sinanco annidate nei partiti, specialmente socialisti) si sono trovate – di aprirsi un varco per il rivolgimento antidemocratico già squadernato dalla maggioranza “berlusconiana” che oggi, con capo in testa oggi il il neo-proto fascista Fini, si avvale della c.d. bozza Violante – volta ad interrompere capziosamente il nesso tra Prima e Seconda Parte della Costituzione -, nella chiara consapevolezza che, in carenza di uno scontro frontale, una forma di governo di tipo “autoritario” è la condizione operativa di una strategia di consolidamento del capitalismo e della classe dominante. Trattasi, ATTENZIONE!!! di una strategia idonea a portare alle estreme conseguenze antidemocratiche quella concezione di “modernizzazione” che a suo tempo ha concorso all’instaurazione dello stesso regime fascista come regime del “capo del governo” e del carattere nazionale dell’iniziativa economica privata.

Tale rimozione ha avuto come precondizione di un disorientamento di massa, difficilmente recuperabile e tuttavia assolutamente indispensabile – per evitare che i partiti dell’”Ulivo”, tornando maggioranza, riprendano quel discorso avviato con la Commissione De Mita-Jotti (1993) e con la Commissione D’Alema (1997) ora estremizzato dalla “casa delle libertà” – l’abbandono dei due pilastri della “democrazia politica, economica e sociale” assunta nel modello del 1948: sul terreno sociale, il dispiegarsi pieno dell’autonomia sociale dei lavoratori, con un sindacato di classe rivendicativo di un nuovo assetto dell’organizzazione della produzione e delle istituzioni centrali e decentrate (regioni, province, comuni); sul terreno politico, un’autonomia del parlamento dal governo, come portato di un pluralismo imperniato sul sistema elettorale proporzionale (che nel 1993 risultava applicato a tutti i tipi di elezione, escluse quelle riguardanti i piccoli comuni), dato che la estensione dell’uso del proporzionale come principio generale dell’ordinamento si innestava sull’ordine del giorno votato all’Assemblea Costituente, per ovviare al fatto che il sistema proporzionale è stato formalmente assunto solo nell’art. 39 concernente il pluralismo sindacale.

Assunta la concertazione come metodo compartecipativo delle forze rappresentative di capitale e lavoro nei rapporti di classe, e il “primato dell’esecutivo” come principio antitetico alla forma di governo fondata sulla “centralità del Parlamento”, si è così pervenuti ad uno snaturamento costituzionale. Uno snaturamento consistente nell’allineamento dell’esperienza italiana (dagli anni ’90 ad oggi) alle esperienze britannica e nordamericana che – mediante le due distinte “tecniche” di “ingegneria istituzionale” del “bipartitismo”, quella del premier e quella del presidente, rispettivamente a monarchia accentrata e a repubblica federale accentrata – attuano, nelle mentite spoglie di una c.d. “democrazia classica”, un tradizionalismo autoritario consacrato dalla “stabilità di legislatura” di un esecutivo a dominanza “monocratica”.

In questo quadro l’opposizione è istituzionalmente esclusa dal potere di indirizzo politico, rimanendo solo titolare di un controllo-verifica, utile eventualmente a predisporre l’applicazione del principio di “alternanza” al governo, nel contesto di una situazione socio-politica di “passività organizzata” di un elettorato consapevole dell’adesione delle contrapposte forze politiche ad una medesima ideologia di “stabilità economico-sociale”.

Il “kanzlerprinzi erede del “fuhrerprinzip”. L’anticostituzionale verticismo statale e regionale, federal-centrale o federal-decentrato

In tale contesto, la gravità delle elaborazioni istituzionali dell’Ulivo (ex e post), coonestate dalla prevalente dottrina costituzionalistica, consiste nella assunzione sempre più mirata del paradigma teorico-politico con cui la cultura liberal-democratica aveva bollato come “anomalo” il caso italiano, con ciò occultando dietro il diffuso anticomunismo (via via affermatosi in Germania e nella stessa Francia grazie al gollismo) una “rilettura” del modello costituzionale italiano del 1948, come se la revisione della forma di governo implicasse, già prima di entrare in vigore, l’abbandono dei principi più qualificanti della Prima Parte, e cioè quella sui “rapporti economico-sociali”, per una concezione di “stato sociale” che la stessa costituzione tedesca di Bonn presenta ben più arretrata di quella, perciò tanto più famosa, di Weimer, e che in quanto tale era destinata ad essere facilmente aggredita dalle concezioni neo-liberiste. Concezioni che – auspice il progressivo consolidarsi del potere del “mercato” ai danni dei valori “sociali”, in virtù dei Trattati europei sfociati nel conato della c.d. “costituzione europea” – sono divenute il terreno di incontro “bipolare”, quando non “bipartitico”, delle forze di governo dell’Europa continentale.

L’abbandono della posizione ideologica – che è intrinseca alla dissolvenza per cause distinte di Dc, Pci e Psi – è stato canonizzato non a caso nel 1992 (alle soglie dei lavori delle Commissioni “bicamerali” De Mita-Jotti e D’Alema della riforma federalista imposta dal centrosinistra, e del progetto di revisione contrastato dal centrosinistra solo per i suoi “eccessi”, e non per le sue matrici neo-verticistiche e autoritarie) da un costituzionalista di ascendenza socialista con una prospettazione del diritto “mite”, e come tale contrastante con il pluralismo dialettico dei Principi Fondamentali della Costituzione del 1948, mediante un’operazione ideologica di sovrapposizione formalmente arbitraria dei principi propri del processo di europeizzazione, fondato sul primato del mercato, sui principi di una costituzione democratica nazionale, nella quale l’uso degli istituti di “controllo sociale” dovrebbe artatamente svilirsi in una logica di mera “coesistenza e compromesso”, con la tradizionale immunità dei poteri economici: e ciò in nome di una anodina “convivenza mite” contrastante nei fatti con la atavica pretesa, come tale “dura”, della formazione sociale del capitalismo a imporsi, avvalendosi di istituzioni politiche “strumentali” alle sue aspirazioni al dominio permanente e incontrollabile (vedasi l’omonimo saggio di Gustavo Zagrebelsky).

Ecco perché ci troviamo già dislocati fuori dall’orbita dei Principi Fondamentali come asse portante dell’intera Prima Parte della Costituzione, nel combinato ordito di un federalismo emerso come forma di “neo-centralismo”, espressivo di “solidarietà” tra gruppi di classe dirigente “statale” e “regionale” (o federal-centrale o federal-decentrato), e di un “premierato” di cui (oltre al presidenzialismo nordamericano) sono alternative del tutto fungibili sia il semi presidenzialismo alla francese, sia il cancellierato germanico: quest’ultimo accarezzato anche da correnti di sinistra c.d. “alternativa”, sotto le mentite spoglie di una concezione c.d. “neo-parlamentare” che comporta la subordinazione dell’elezione del cancelliere all’iniziativa di vertice del presidente della repubblica, in un contesto che perciò viene riassunto in nome di un dominante “kanzlerprinzip”, succeduto al “fuhrerprinzip”.

Per dire “Difendiamo la Costituzione” a testa alta, si deve allora fare atto di sottomissione autocritica, rinunciare al Francisco “PRONUNCIAMENTO” delle c.d. “bozze” da quella “Amato” a quella “Violante” con cui si rimarrebbe bensì fedeli all’allineamento ideologico con le forma di governo britannica e statunitense, ma si affosserebbe il modello di democrazia fondato sull’onda della Resistenza (salvo che nel campo dei rapporti civili, con residuali e verbose invocazioni dei rapporti “etico-sociali”).

Un modello di democrazia che del resto è già stato attaccato dal centrosinistra con la legge di revisione del 2001 che attribuisce potestà di efficacia pubblica a soggetti privati, e che una volta coniugato il federalismo anti-autonomistico e neo-centralista con il premierato (sia pure c.d. “relativo”, per distinguerlo da quello c.d. “assoluto” proposto dal centrodestra), troverebbe spalancata la strada ad una più smaccata omologazione ai modelli neo-conservatori imperanti in Europa, per l’ulteriore legittimazione che il dominio degli esecutivi va ricevendo da una cultura univoca nel privilegiare il mercato, facendo del “solidarismo” l’espediente necessario ad un minimo di consenso della parte debole della società, alla faccia di chi anche in questi giorni ha affermato che dalla crisi si dovrebbe uscire con più regole e più giustizia sociale, nel mentre stesso che la crisi che in Italia ha base ancor più nell’economia reale che in quella della finanza gonfiata” del resto d’Europa, viene usata da Confindustria, Governo e sindacati in combutta come occasione per un massacro sociale senza precedenti, per concentrarsi sul lavoro ma al fine di massacrarlo disarticolando e frantumando come negli USA la contrattazione sindacale sinanche a livello individuale in parallelo e in simbiosi col federalismo americanista.

0 Responses to “IL 25 APRILE DELLE VERGOGNE”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: