Vicenda poltrone Frau. Montezemolo e i suoi servetti: Bertinotti e Fini

Poltrona Frau, silenziatore alla Camera

“L’interrogazione non è ammessa” Dava fastidio a Montezemolo. Nel 2006 Carlo Ciccioli di An chiese conto del prezzo fissato in Borsa, ma per Bertinotti e Fini non doveva

di Sandra Amurri e Giorgio Meletti
Autunno 2006. Governa Romano Prodi, presidente della Camera è Fausto Bertinotti. Carlo Ciccioli, medico-psichiatra di Ancona, da pochi mesi deputato  di An, apprende che l’imminente quotazione in Borsa della Poltrona Frau di Tolentino (Mc) si presta a molti interrogativi. Si documenta e il 6 novembre presenta un’interrogazione parlamentare urgente.
Il salvataggio della Poltrona Frau vede  protagonista il fondo Charme, fondo di private equity strutturato come società di diritto lussemburghese. Tra i soci fondatori, oltre a Luca Cordero di Montezemolo (ai tempi presidente di Confindustria, Ferrari e Fiat), gli imprenditori Diego Della Valle, Gianni Punzo, Isabella Seragnoli, Vittorio Merloni, il patron di Technogym Nerio Alessandri, le famiglie Marsiaj e Montinari, più le banche Deutsche Bank, UniCredit e Monte dei Paschi di Siena.

Le domandee il mercato
Il deputato Ciccioli, nell’interrogazione con oggetto “Quotazione in borsa dell’azienda Frau”, chiede di sapere se “il prezzo delle azioni, valutate in un range compreso tra  1,80 ed  2,20 euro, è stato fissato all’importo più alto; se sul mercato verranno collocate circa 49 milioni di azioni per un aumento di capitale pari a circa 108 milioni di euro; se tale importo è all’incirca pari alla massa dell’indebitamento dell’azienda risultante a giugno 2006; se, raffrontato con l’utile di esercizio dell’azienda al 2006 il rapporto tra prezzo dell’azione e utile è pari a 196, cioè un multiplo assolutamente abnorme rispetto ai normali standard di mercato; se quindi la quotazione delle azioni risulterebbe assolutamente sproporzionata e superiore al valore effettivo dell’azienda”, facendo presente che “solo 18 milioni di euro del capitale raccolto sarebbero destinati alla riduzione dell’indebitamento, rispetto ad uno sbilancio di ben 108 milioni di euro”.

Una speculazione finanziaria?
Ciccioli chiede anche di sapere se “l’operazione di risanamento aziendale non sia di fatto una spregiudicatissima speculazione finanziaria, se gli organismi preposti al controllo e all’autorizzazione per le quotazioni in borsa (Tesoro, Banca d’Italia, Consob) hanno esperito le procedure previste e monitorato, senza timori reverenziali, l’effettiva situazione economica e finanziaria della società”.
Ed ecco il colpo di scena. L’interrogazione viene ritenuta irricevibile e bloccata dalla Presidenza della Camera. Un funzionario, racconta l’attonito Ciccioli, spiega che “il titolo è sotto quotazione, e quindi si tratterebbe di un’interrogazione price sensitive”. La motivazione è risibile: sia perché l’azione Poltrona Frau non è ancora quotata in Borsa, sia perché con lo stesso criterio risulterebbero vietate tutte le interrogazioni su società quotate, perché suscettibili di influenzarne il corso borsistico.  Ciccioli protesta e il funzionario replica: “La direttiva è del presidente Bertinotti e solo lui la può cambiare”.
La mattina dopo il deputato va alla Camera e viene affrontato da Fini, secondo il suo racconto, con queste parole: “Montezemolo mi ha chiamato stamattina alle sette e mi ha detto: un tuo deputato delinquente ha presentato un’interrogazione sulla quotazione in borsa della Poltrona Frau. Quel deputato sei tu. Come ti è venuto in mente di  turbare i nostri rapporti con Montezemolo? Ma non vedi che sta anche attaccando il governo Prodi? Ritira immediatamente quell’interrogazione”. Ciccioli, che si aspettava elogi per l’iniziativa da vero deputato d’opposizione, trasalisce: come ha fatto la sua interrogazione, mai pubblicata, ad arrivare in tempo reale a Montezemolo? Comunque reagisce all’ordine di Fini: “Non ci penso neanche”.

Gli amici di Luca
Un’ora dopo il secondo assalto. Ciccioli viene raggiunto dall’amico Ignazio La Russa che lo prende sottobraccio per ammansirlo: “Ma che ti sei messo in testa? Ma non vedi che manco Bertinotti te la pubblica? Hai ragione, ho capito, sei orgoglioso, il bel gesto lo hai fatto, adesso però è meglio che lasci stare, quell’interrogazione rovinerebbe i nostri rapporti con Montezemolo. Non ti preoccupare, te la faccio decadere io, ma non ti sognare di ripresentarla”. Ciccioli insiste: “Ma ho già mandato il comunicato stampa a Il Giornale e a Libero”. La Russa è tranquillo: “Non ti preoccupare, ai giornali penso io”. Subito dopo è un altro deputato di An, Italo Bocchino, a dirgli una parola buona: “Hai vissuto il tuo attimo da eroe ma ora rinsavisci”. Arriva infine la lettera di Bertinotti con la motivazione ufficiale della bocciatura dell’interrogazione. Fa riferimento all’articolo 139 bis del regolamento della Camera, secondo cui il Presidente valuta l’ammissibilità delle interrogazioni con riguardo, tra l’altro, “alla tutela della sfera personale e dell’onorabilità dei singoli”.

Il convegno dei Radicali
Il deputato di An, che non ha seguito Fini ma è rimasto con La Russa nel Pdl di Berlusconi, non ha mai digerito la faccenda. E infatti, a distanza di quattro anni, il 23 luglio scorso, ha raccontato tutto nel corso del convegno “Democrazia senza partiti”, organizzato dai Radicali Marche ad Ancona. Il suo intervento è stato registrato e pubblicato sul blog “Popinga” <http://scaloni.it/popinga/fini-ciccioli-e-poltrona-frau/>  (fondato da Marco Scaloni nel 2004). Oggi Ciccioli non solo conferma tutto, ma esibisce tutti i documenti del caso, accuratamente custoditi in una cartellina.
Alla domanda se il suo racconto non suoni come una vendetta nei confronti di Fini, che proprio in questi giorni ha cominciato a parlare di Montezemolo come suo possibile partner politico, risponde:  “Macché vendetta! Questa storia chiama in causa un sistema: l’intreccio tra Confindustria, banche, capitalismo e politica, senza esclusione di bandiere. Una storia su cui nessun giornalista ha voluto fare inchieste e nessun magistrato ha voluto vedere chiaro”.

Secondo Ciccioli la quotazione in Borsa ha permesso ai soci del fondo Charme, vendendo solo il 23% delle azioni Frau, di rientrare di tutto il denaro investito nel 2003 per acquistare il 75% del capitale.

0 Responses to “Vicenda poltrone Frau. Montezemolo e i suoi servetti: Bertinotti e Fini”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger cliccano Mi Piace per questo: