Pisa: Geofor, rifuti e salute lavoratori

Nel febbraio 2009 82 dipendenti Geofor presentano alla Procura un esposto sulle insalubri condizioni di lavoro presso la discarica di Gello, ma non ricevono risposta. I Cobas rilanciano il caso e chiedono chiarimenti alle istituzioni sugli affitti alla Valdarno

Pisa – Lo scorso febbraio hanno presentato un esposto ma ancora non hanno avuto nessuna risposta. Sono 82 lavoratori Geofor che denunciano le condizioni insalubri in cui si trovano a operare i dipendenti presso gli uffici della sede della discarica di Pontedera.

La discarica di Rifiuti Solidi Industriali è gestita dall’ Ecofor Service e ha sede in viale America, in località Gello. Al suo interno è situata l’azienda della raccolta rifiuti Geofor S.P.A. con l’intera sede legale e parte della sede operativa che comprende gli uffici della T.I.A, l’amministrazione, l’ufficio numero verde, gli uffici coordinamento servizio di raccolta, gli automezzi pesanti e leggeri, l’officina meccanica e il magazzino ricambi. Ed è proprio qui il problema, perché è ormai dal 2002 che i lavoratori chiedono che gli uffici vengano trasferiti altrove, data la vicinanza alla discarica. Nella situazione attuale chi lavora negli uffici sarebbe a contatto con gli stessi rischi di chi lavora in discarica. Una situazione che va progressivamente peggiorando poiché continua il trasferimento di personale dall’altra sede operativa della Geofor – quella di Pisa in località Ospedaletto – verso gli uffici di Gello.

Nell’esposto si fa presente che i lavoratori dell’azienda che operano nella sede di Pontedera, svolgendo per altro mansioni non inerenti alla conduzione della discarica stessa, vengono inevitabilmente e inutilmente esposti a rischi chimici e biologici connessi alla presenza della discarica. Su questi aspetti nel corso degli anni sono state fatte numerose segnalazioni da parte degli RLS (responsabili sulla sicurezza nei luoghi di lavoro), sia all’azienda che alla Asl di competenza, ma senza mai ottenere una risposta scritta.

La discarica è citata nell’elenco delle industrie insalubri poiché i depositi e le lavorazioni dei rifiuti sono luoghi contaminati o potenzialmente contaminati chimicamente e batteriologicamente, inoltre – come viene sostenuto nell’esposto dai lavoratori – “non è escludibile a priori la possibilità di scarico di rifiuti potenzialmente infetti o contaminati da sostanze pericolose”. Per questo motivo i lavoratori hanno fatto appello alla Legge 626/94 prima, e al testo unico 81 del 2008 sulla sicurezza ora, il quale prevede chiaramente di limitare al minimo il numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti ai rischi, obbligo da attuarsi anche nel caso in cui l’esposizione non sia certa, ma solamente potenziale.

A portare all’attenzione pubblica la vicenda, è stata la denuncia della Confederazione dei Cobas di Pisa che ricorda come due anni fa, l’Istituto della Sanità e il Cnr di Pisa diffusero i dati relativi ad un rapporto epidemiologico che dimostrava come attorno alle discariche si registri un sensibile aumento di malattie e decessi. “La situazione in questi due anni è decisamente peggiorata – dichiarano i Cobas – perché al momento dello studio alla discarica erano destinati solo i rifiuti solidi urbani, mentre oggi ci sono anche i rifiuti speciali. Già 10 anni fa fu riscontrato un sensibile aumento dei tumori (da non\Hodgkin al fegato, dalla vescica al sitema linfoematopoietico, disturbi al sistema cardiovascolare e infarti). Nonostante gli studi scientifici, la discarica di Gello è stata ingrandita e molti lavoratori, anche se non utili ai fini delle operazioni in discarica, trasferiti forzatamente da Pisa”.

da pisanotizie, 6 Novembre 2009

http://www.pisanotizie.it/index.php/news/news_20091105_esposto_lavoratori_geofor.html

0 Responses to “Pisa: Geofor, rifuti e salute lavoratori”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger cliccano Mi Piace per questo: